Arcus

20 luglio 2009

Incontri in terra di Siena con Domenico Nordio e l'Orchestra di Padova e del Veneto


Il 21° Festival Incontri in terra di Siena si terrà da mercoledì 22 a sabato 25 luglio, con quattro preziosi appuntamenti che si svolgeranno in Val d’Orcia, a pochi chilometri da Chianciano e Pienza, tranne il concerto d’apertura che sarà ospitato nella vicina Città della Pieve.
Sarà un’edizione breve ma intensa, con musicisti di livello mondiale che suoneranno in esclusiva per il Festival.
Per l’inaugurazione si avrà l’ occasione imperdibile di ascoltare uno dei gruppi più acclamati per il repertorio rinascimentale, The Tallis Scholars, che eseguirà tra l’altro brani dei maestri italiani della polifonia, Palestrina e Monteverdi, nella Chiesa di Santa Maria dei Servi alle 19,30 di mercoledì 22 luglio.
Il concerto sarà preceduto alle 18,30, per chi volesse godere appieno dell’atmosfera cinquecentesca della giornata, da una visita guidata dallo storico dell’arte Valerio Bittarello al Museo Civico Diocesano, inaugurato lo scorso marzo, di cui la chiesa stessa fa parte.
Si avrà così la fortuna di ammirare la “Deposizione dalla Croce” di Pietro Perugino, insieme ad altre opere che documentano come Città della Pieve, tra la seconda metà del sec. XVI e la prima metà del secolo seguente, fosse un importante polo artistico, che ospitò “Il Pomarancio”, Salvio Savini, Cesare Nebbia, solo per citarne alcuni.
Quindi full immersion nella natura delle crete della Val d’Orcia e nel maniero fortificato di Castelluccio di Pienza per due concerti al chiaro di luna:
giovedì 23 luglio alle ore 21 il pianista Barry Douglas, la cui brillante carriera è cominciata con la medaglia d’oro al Concorso internazionale Tschaikovsky, proporrà una serata “romantica” con celebri brani di Schumann, Tchaikovsky, Rachmaninov e Mussorgsky.
Venerdì 24 luglio, sempre alle 21, due grandi musicisti - il violinista Domenico Nordio e il pianista russo Mikhail Lidsky – eseguiranno opere di Brahms, Grieg, Dvorak, Dallapiccola, e Tre capricci op.40 di Paganini-Szymanovsky.
Concerto di gala per la chiusura di sabato 25 luglio alle 21 , nella perfezione paesaggistica e architettonica della Villa rinascimentale della Foce e del suo giardino disegnato da Cecil Pinsent per Antonio e Iris Origo, con il gradito ritorno di Vladimir Ashkenazy alla direzione dell’Orchestra di Padova e del Veneto, pianoforte solista Pascal Rogé.
Il raffinato programma musicale, che il direttore artistico degli Incontri in Terra di Siena Antonio Lysy ha messo a punto per questa edizione, non tralascia le altre “arti”: sono previste visite esclusive ai luoghi e possibilità di accompagnare lo spettacolo a buffet e degustazioni dei migliori prodotti locali, vanto del nostro paese in tutto il mondo.
Gli Incontri in terra di Siena valorizzano da anni le ricchezze del territorio e ospitano a Castelluccio di Pienza dal 18 luglio al 6 settembre la mostra “Donne di rango a Tolle nel VI secolo a. C.”

Per informazioni: 0578-69101 e 3497880846

Nessun commento: