Arcus

8 ottobre 2009

"6 Flow Variations": le note di un violoncello contro la fluidità dell'acqua


Giovanni Sollima sempre alla ricerca di nuove forme di sonorità e sperimentazioni riesce ancora una volta a sorprenderci con la sua originalità...
Sollima e il suo violoncello, totalmente immersi nell'acqua, si cimentano in una lotta estrema: il flusso delle note contro il flusso del liquido; ne escono sconfitti ma con dignità, vittime dell’incontenibile pienezza dell'acqua che si deforma, si insinua e si adatta all'infinito.
In occasione della manifestazione Step 09, prima fiera nazionale di arte, musica e performance che si terrà dal 9 all'11 ottobre negli Eastends Studios di via Mecenate a Milano, sarà presentata, in anteprima nazionale, l'istallazione “6 Flow variation”, un video dittico che ruota sul tema della variazione del flusso realizzato dal musicista e compositore Giovanni Sollima in collaborazione con l'architetto-pittore Antonio Di Mino.
Nel video 6 flow variations, l'intento di Antonio Di Mino e Giovanni Sollima è quello di contenere le pulsioni di un fluido indefinito; una passione pura, un tormento o una forza che da immagine diventa suono, per abbracciare nuovamente l'estetica di una rappresentazione.
Un flusso d'energia incontenibile che trova la sua immediata identificazione nelle immagini di un cuore che pompa, e nel suono regolare del sangue che scorre.
Il fruscio intenso che cadenza toni sordi e ripetuti, s'interrompe con il gesto e il rumore di un gessetto sfaldato sulla superficie di un pezzo di ferro circolare, ricordo delle sezioni di vene, tunnel flebili che contengono magicamente lo scorrere potente del fiotto sanguigno.
Lo sfrigolio fastidioso diventa melodia inquieta, creata dallo sfiorare prepotente dei crini su corde di un violoncello illuminato a luce radente, che si amplifica e invade il silenzio.
In un'assenza di suoni coatta, cercata nella dimensione sospesa di una gabbia piena d'acqua, lo strumento continua a suonare emettendo tonalità ovattate.
La musica va avanti in una lotta impari con il flusso dell'acqua che la sovrasta per disperderla velocemente nella pienezza del liquido.
Rimane lo strumento nella limpidezza artificiale della vasca, diritto come un fuso.
Perde la sua guerra con lo scorrere irruento del fluido, resta l'orgoglio di un soldato in piedi senza più armi.
Antonio Di Mino e Giovanni Sollima in passato hanno già collaborato per dare vita a performances e progetti video-installativi.

Nessun commento: