Arcus

3 febbraio 2014

Paganini: una rockstar ante litteram

Il 27 febbraio nelle sale italiane uscirà  "Il violinista del diavolo", un film scritto e diretto da Bernard Rose, che racconta del breve periodo della vita di Niccolò Paganini trascorso a Londra.
Paganini sarà interpretato da David Garrett, il violinista ed ex modello per Armani, che peraltro ha ispirato l'idea del film ed ha curato la colonna sonora assieme a Franck van der Heijden.
Paganini al tempo si raccontava avesse stretto un patto con Mefistofele, sia per i virtuosismi musicali, sia per il modo di condurre una vita alquanto eccentrica e bizzarra.
Nel film viene raccontato attraverso la sua passione per le donne, per la musica e per il denaro, tre elementi che finiscono per legare il musicista ad una ragazza inglese ed al suo "manager" Urbani.
Ad affiancare David Garrett ci saranno importanti attori europei come Jared Harris, Christian McKay e Veronica Ferres, Joeyly Richardson - la giornalista Ethel Langham che con un suo articolo sdogana Paganini a Londra -, Helmut Berger ed Olivia d'Abo, l'esordiente Andrea Deck, scelta tra una quarantina di attrici soprano per impersonare Charlotte Watson, la ragazza per il cui amore Paganini finisce in carcere.
La scelta del cast è avvenuta anche tenendo conto delle esperienze e abilità musicali in possesso degli attori: Christian McKay da adolescente è stato un abile pianista e Andrea Deck è tuttora una soprano.
Sebbene sia ambientato a Londra, Il violinista del diavolo è stato girato tra l'agosto e il settembre del 2012 tra Vienna e gli studios Bavaria.
Molte delle riprese esterne sono state realizzate tra i parchi del Castello di Racconigi, della Tenuta Berroni in Italia e il castello di Sant'Emmeram a Ratisbona in Germania.
Bernard Rose, oltre ad esserne il regista, è anche il direttore della fotografia, e per rendere nebbiosa Londra ha fatto ricorso ad effetti speciali ispirandosi alla luce e all'atmosfera presenti nei dipinti del pittore romantico William Turner.
Più di 2000 abiti sono stati realizzati dalla costumista Birgit Hutter.

Nessun commento: