Arcus

3 novembre 2016

Laura Marzadori a Mestre per l'integrale delle Sonate per violino e pianoforte di Beethoven


Un concerto all’insegna di Beethoven e delle sue Sonate per violino e pianoforte quello che verrà proposto martedì 8 novembre alle ore 20,30 al Teatro Toniolo di Mestre all’interno della XXXI Stagione di musica sinfonica e da camera organizzata dal Comune di Venezia in collaborazione con gli Amici della Musica di Mestre. Il concerto rappresenta la seconda parte del progetto di rete interregionale dedicato all’Integrale delle Sonate per violino e pianoforte di Beethoven avviato l’anno scorso con Francesca Dego, violino, e Francesca Leonardi, pianoforte. Quest’anno il testimone passa a Laura Marzadori e al pianista Olaf Laneri che eseguiranno le Sonate op. 12 n.3, op. 23 ed op. 30 n. 2. Ad impreziosire ulteriormente la serata anche una prima esecuzione assoluta appositamente commissionata al compositore Rocco De Cia intitolata Perdendosi. Il concerto inoltre inaugura il ciclo dei tre concerti che compongono il miniabbonamento “Vienna capitale della musica da Beethoven a Strauss a Scoenberg”, insieme ai concerti dell’11 febbraio e 3 marzo 2017. 
Laura Marzadori (Bologna 1989) ha vinto a soli 25 anni, con giudizio unanime della commissione presieduta da Daniel Barenboim, il concorso internazionale per primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, ruolo che le ha già dato la possibilità di lavorare a fianco di grandi direttori quali: Daniel Barenboim, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Daniel Harding, Zubin Mehta e Antonio Pappano. Si è imposta giovanissima all’attenzione del pubblico e della critica conquistando i massimi riconoscimenti in numerosi concorsi tra i quali, a soli 16 anni, il più importante concorso violinistico nazionale: il Premio “Città di Vittorio Veneto”. Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero (Stati Uniti, Spagna, Austria, Repubblica Ceca, Ucraina, Germania, Svizzera, Uruguay) collaborando con orchestre prestigiose: la Filarmonica Toscanini, l’Orchestra del Regio di Parma, l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra della RAI di Torino, l’Orchestra di S. Cecilia, l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano e I Cameristi della Scala. Suona il violino di G. B. Guadagnini, ex-Kleynenberg, del 1783 di proprietà della Fondazione Pro Canale.
Olaf John Laneri  nasce a Catania da padre siciliano e madre svedese. Dopo diverse vittorie in competizioni nazionali ed internazionali, nell'estate del 1998 vince il prestigioso concorso “F. Busoni” di Bolzano (II premio ‘con particolare distinzione’; il I premio non viene assegnato). È presente in rinomate stagioni in Italia e in Europa come solista e con orchestra (Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra dell’Arena di Verona, Symphony Orchestra di Tokyo, Filarmonica di Montecarlo).

Nessun commento: